Il terapeuta DMT a orientamento psicodinamico

Il danza movimento terapeuta a orientamento psicodinamico è una figura professionale che ha svolto un percorso di formazione quadriennale, in cui fa esperienza diretta e integra:

  • le tecniche e le modalità di osservazione e di intervento proprie del movimento (Laban Movement Analysis, Kestenberg Movement Profile);
  • le teorie sul processo creativo;
  • alcune teorie e tecniche delle psicoterapie e della psicoanalisi.

Inoltre:

  • ha svolto un personale percorso psicoterapeutico;
  • svolge supervisioni cliniche;
  • pratica la danza in una delle sue forme artistiche.

Egli si pone quale facilitatore del processo creativo del paziente, aiutandolo a creare immagini, gesti e movimenti significativi dei propri vissuti.

“Nella Danza Movimento Terapia non si ricerca la bellezza del gesto, ma la sua forza comunicativa, non si insegue la complessità della tecnica coreografica, ma l’abbandono al momento della creazione” (Govoni, 1998). Al posto del prodotto, viene privilegiato il processo creativo e la molteplicità di vissuti, di processi psichici e di significati che lo accompagnano.

Ognuna delle modalità espressive che la persona sceglie (a volte è un disegno, a volte un movimento, altre volte il silenzio, una postura nello spazio, o la parola) è utile per instaurare un dialogo con il terapeuta, che non giudica l’espressione, ma la accoglie, aiutando la persona nella comprensione di sé, nell’ampliamento della coscienza personale, nell’integrazione di parti di sé bloccate e nella trasformazione del disagio e del malessere psichico in energia creativa.